Isola Liri: il Castello Boncompagni-Viscogliosi tra passato e presente

Contenuti dell'articolo

Quando si parla di eventi, matrimoni, cene di gala o ricevimenti, quello che si cerca sempre è il LUOGO PERFETTO, quello che provoca emozioni, entusiasma al primo sguardo, stuzzica la fantasia e risponde a determinate esigenze logistiche.

Uno dei posti che più ci ha colpito in questa continua ricerca di luoghi magici, è il CASTELLO BONCOMPAGNI VISCOGLIOSI a Isola del Liri, nel cuore della Ciociaria!

Un luogo ricco di storia e con un vivido presente, grazie all’impegno dei suoi proprietari che ancora vivono lì e ne curano costantemente manutenzione e restauri!

Dove si trova Isola del Liri?

Situata a 8 km da Arpino e con un’altitudine pari a 217 mslm…

No ragazzi, così non ce la faccio, queste cose le cercate su Wikipedia e tutti felici!

La verità è che Isola del Liri, che in dialetto tutti chiamano Lisera, è l’unico paese in Italia con una cascata nel centro cittadino! E questo dovrebbe bastare a incuriosirvi!

Il nome della cittadina dice molto sulla sua natura.

Il fiume Liri, che attraversa anche la vicina Sora, arrivando qui incontra un enorme masso di travertino (su cui è costruito il Castello) e si divide in due bracci che, ricongiungendosi più avanti, danno vita a un un’isola fluviale e a un nucleo abitativo e tadaaaaa:

HABEMUS NOMEN!

Ricordi e profumi

Fin da bambina, Isola del Liri per me ha significato due cose fondamentali:

  1. Il caos infinito per raggiungere l’unico cinema multisala il giorno di Natale per vedere l’attesissimo film Disney (l’ultimo che io ricordi è Pocahontas nel 1995, fate un po’ voi…)
  2. La cornetteria all’angolo che sfornava cornetti panna e nutella come se non ci fosse un domani.

Ma un domani è arrivato. E la cornetteria ha chiuso. Anche se io ho ancora quel profumo nelle narici.

Le cascate

Parcheggiamo in una stradina secondaria e andiamo a vedere i due bracci del fiume: quello di sinistra si staglia nel mezzo della via principale ed è così che dall’alto inizia una cascata alta ben 27 metri!

Lo scorcio è davvero suggestivo e il getto d’acqua è realmente impressionante, soprattutto nel periodo invernale! Percorrendo la via principale, corso Roma, si arriva al Parco Fluviale da dove comincia una piacevole passeggiata che ci conduce all’altro braccio del Liri: la Cascata del Valcatoio.

Il fiume, con il suo corso ricco di balze naturali e le sue cascate, ha sempre determinato la ricchezza e lo sviluppo di queste zone e, con l’avvento dell’economia industriale, ha avuto un ruolo fondamentale fornendo energia meccanica e idroelettrica.

Per oltre un secolo le cartiere nate sul corso del fiume hanno dato lavoro a generazioni di operai della media Valle del Liri e solo sul finire degli anni ’80 la profonda crisi industriale ha modificato l’assetto sociale e lavorativo di tutta la zona.

Il Castello Boncompagni-Viscogliosi

Quello che da secoli è il simbolo di Isola del Liri è l’affascinante Castello Boncompagni Viscogliosi, un Castello diventato oggi monumento nazionale e sicuramente uno tra i più famosi e meglio conservati di tutta la Ciociaria!

Grazie al nostro travel blog “Allora Viaggio”, siamo riusciti a visitarlo in maniera del tutto eccezionale e ringraziamo infinitamente i proprietari che ci hanno aperto le porte di casa portandoci a conoscere una delle tante meraviglie d’Italia

Un Castello Unico al Mondo

Come tutti i castelli che si rispettino e che stimolano la fantasia di grandi e piccini, anche il Castello di Isola ha una torre merlata, sale affrescate e origini antichissime, essendo stato:

  1. Rocca di avvistamento nel XII secolo,
  2. Dimora di Leonardo della Rovere nel XV secolo
  3. Residenza dei Boncompagni dal 1580 al 1796.
  4. Palazzo Reale durante il Regno di Napoli fino a inizio ‘800
  5. Proprietà di imprenditori per uso industriale fino a inizio ‘900

Quello che però rende questo luogo UNICO AL MONDO è la sua posizione: si trova infatti su un grosso sperone roccioso tra i due bracci del fiume Liri, proprio al di sopra della famosa cascata che sovrasta il centro cittadino e lo storico quartiere di San Lorenzo.

Entriamo dall’ingresso principale e veniamo accolti dalla signora Clara che prima ci accompagna a scoprire il parco con alberi centenari e il giardino pensile con affaccio sulla cascata, poi ci guida nella visita del Castello, tra un meraviglioso cortile e stanze affrescate, ricordi tangibili di un luogo d’altri tempi in cui vivono, ancora oggi, gli eredi dell’Ingegner Angelo Viscogliosi che comprò il Castello negli anni venti del ‘900.

La storia è spesso fatta di uomini fuori dall’ordinario e di certo Angelo era uno di questi.

Originario della vicina Arpino, Angelo studia al Politecnico di Zurigo per poi tornare in Ciociaria pronto a sfruttare il grosso potenziale della cascata per ricavarne energia sufficiente ad alimentare la vicina cartiera di famiglia.

L’ acquisto del castello, dopo la creazione del lanificio adiacente (oggi diventato feltrificio per la produzione dei feltri per le rotative delle cartiere) è stato l’inizio di una storia che continua ancora oggi!

Visitando il castello con le sue sale affrescate, gli stemmi, il cortile, il parco, il giardino pensile e la cappella dedicata alla Madonna delle Grazie, non possiamo che restare a bocca aperta, consapevoli di quanto bello sia il nostro Paese e di quante sfaccettature diverse abbia da offrire!

Questo sì che è il LUOGO PERFETTO per organizzare i vostri eventi in Ciociaria!

Precedente
Successivo

Visitare il Castello

Per chiunque volesse visitare la Cappella della Madonna delle Grazie, il Parco e i giardini pensili per godere della splendida vista sulla cascata, il Castello è aperto gratuitamente, tutti gli anni, nei giorni 17-18-19 Settembre in orari prestabiliti, in occasione della festa della Madonna delle Grazie!

Controllate la loro pagina Facebook e non perdete l’occasione di visitare questo luogo magico!

Il tuo prossimo week end alla scoperta dei piccoli borghi?

Scrivici la tua idea di vacanza o clicca qui sotto per visitare il nostro sito da Consulenti di Viaggio e parti con noi !