Geremia, il profeta del VII secolo a.C., dice che “i costumi dei popoli sono vanità;” perché un legno “lo si adorna d’argento e d’oro, lo si fissa con chiodi e coi martelli perché non si muova.”.

L’albero di Natale come lo conosciamo oggi non esisteva ai tempi di Geremia, ma i suoi versetti tramandano un’usanza ancestrale: tagliare un albero per adornarlo, o, come facevano i babilonesi, per lasciarvi sotto dei regali. Tertulliano, un cristiano che visse tra il II e il III secolo d.C., critica i culti romani pagani, imitati anche da alcuni cristiani dell’epoca, di appendere alloro sulle porte delle case e accendere lumi durante le festività invernali.

I romani adornavano le strade durante i Saturnali – un ciclo di festività che in epoca imperiale si svolgevano dal 17 al 23 dicembre –, ma furono soprattutto i celti che rispettavano la tradizione di decorare le querce con frutta e candele durante il solstizio d’inverno. Era un modo di riportare alla vita l’albero e, così facendo, di assicurarsi che, dopo l’inverno, il sole e la vegetazione avrebbero fatto ritorno.

Anche allora infatti, l’albero era considerato il simbolo di fertilità e di rigenerazione per eccellenza.

Pubblicità di un accenditoio nel XIX secolo

Tallinn e Riga si contendono il primo albero di Natale

Secondo la leggenda, nell’VIII secolo, nella regione di Hesse, nel centro della Germania, esisteva un’enorme quercia consacrata al dio Thor. Ogni anno, durante il solstizio d’inverno, veniva offerto un sacrificio.

Ma, davanti agli sguardi attoniti degli abitanti del posto, un missionario di nome Bonifacio abbatté l’albero e, dopo aver letto alcuni passi del vangelo, offrì in cambio un abete, un albero di pace che «rappresenta la vita eterna perché le sue foglie sono sempre verdi» e perché la sua cima «indica il cielo».

Da allora, durante il Natale prese piede la tradizione di tagliare abeti e di collocarli sui tetti delle case ma, per qualche strana ragione, a testa in giù. Si racconta che il teologo Martin Lutero collocò delle candele sui rami degli alberi perché brillassero come stelle nelle notti d’inverno.

Due città baltiche si contendono il primato di aver posto il primo albero di Natale in piazza: Tallinn (Estonia) nel 1441 e Riga (Lettonia) nel 1510. In questa seconda località il primo albero di Natale venne decorato con rose artificiali da un gruppo di commercianti, che scelsero di porlo nella piazza del mercato. 

Grandi e piccini ballarono intorno all’albero e poi gli diedero fuoco, ma ormai la tradizione natalizia più magica era penetrata nella cultura popolare.

Allora Viaggio...consigli per gli acquisti

Nel 2021 organizza una vacanza nelle Capitali Baltiche

Contattaci per email visitando il nostro sito Allora Viaggio by Evolution Travel